Proponi
il tuo
manoscritto

Editing, revisione e correzione bozze

Impaginazione, grafica e prestampa

Promozione e comunicazione

proponi il tuo manoscritto

Segui queste norme editoriali per proporre la tua opera

Spedisci il manoscritto a manoscritti@argentodorato.it (puoi utilizzare anche WeTransfer), rispettando le seguenti indicazioni sull’invio:

il testo deve essere in formato Word, Times New Roman, dimensione carattere 12, interlinea 1,5.

L’inedito va accompagnato da una scheda contenente le seguenti informazioni:

  • nome e indirizzo (con tutti i contatti telefono/fax/e-mail) dell’autore;
  • titolo dell’opera consegnata;
  • sistema operativo del computer su cui è stato preparato il documento (Microsoft Windows, MacOs o altro);
  • programma e versione utilizzati (per es.: Microsoft Word 2010);
  • elenco dettagliato dei documenti consegnati;
  • numero complessivo delle pagine dello stampato e numero totale dei caratteri;
  • elenco dei disegni, tabelle, immagini.

Il documento va consegnato con l’accortezza di mantenere al minimo la formattazione (es: un solo font usato, interlinea, corpo del testo e spaziature uniformi, non aggiungere colori, etc.). L’impaginazione verrà eseguita a nostra cura in seguito, in accordo con il progetto grafico. In caso di saggi, si prega di prestare particolare attenzione all’apparato bibliografico. In presenza di note e citazioni, scegliere un solo criterio per la struttura della citazione bibliografica, e seguirlo coerentemente in tutto il documento. Esistono svariati criteri, generalmente legati alla disciplina di riferimento, ma tutti hanno ampie basi comuni e richiedono di citare le stesse informazioni, necessarie a identificare univocamente i testi utilizzati.

Norme per le citazioni bibliografiche e la bibliografia finale

Riferimenti bibliografici nel testo e a piè pagina

Il sistema da utilizzare è quello umanistico, ossia numeretto in apice, nel punto in cui vengono riportate idee, parole, pensieri e concetti di altri, e note a piè di pagina per la citazione bibliografica.
Le note vanno digitate in esponente, senza lasciare uno spazio dopo la parola che le precede.
Nel corpo della nota, viceversa, va lasciato uno spazio tra l’esponente e il testo che segue.
In caso di note a fine frase, la nota va messa prima della punteggiatura.
Se sono presenti frasi che necessitano di riferimento, da scrivere in corsivo, è preferibile inserire un riferimento minimo, in tondo, tra parentesi, nel rigo subito sotto l’esergo.

Per esempio:

Tanto lavoro e poco divertimento fanno di Jack un ragazzo annoiato.
(Jack Torrance, 1980)

Bibliografia finale (stile di citazione)

La bibliografia finale va organizzata in ordine alfabetico per cognome dell’autore e secondariamente, per opere dello stesso autore, in ordine cronologico diretto.
Quando si citano nella bibliografia finale opere di uno stesso autore, al posto del cognome e del nome dell’autore si riporta il trattino lungo seguito da una virgola.
Esempio:
Vitali Aladino, Biblioteca comunale Chelliana. In: Annuario delle biblioteche italiane. Parte I: A-M. Roma: Palombi, 1956, p. 314-315.
––, Relazione della Biblioteca comunale Chelliana per la Tavola rotonda dei circoli culturali della città di Grosseto. In: La cultura a Grosseto: tavola rotonda, Grosseto, 25 maggio 1963. Grosseto: Ufficio stampa del Comune, [1963?], p. 78-82.

MONOGRAFIE

Esempio:
Panebianco Angelo, L’automa e lo spirito: azioni individuali, istituzioni, imprese collettive. Bologna: Il Mulino, 2009.
Esempio:
Curini Luigi; Martelli Paolo, I partiti nella Prima Repubblica: maggioranze e governi dalla Costituente a Tangentopoli. Roma: Carocci, 2009.
Esempio:
Deaglio Mario [et al.], A cavallo della tigre. Milano: Guerini e associati, 2007.
-Curatele/opere anonime:
Esempio:
Antonio Giolitti: una riflessione storica, a cura di Giuliano Amato. Roma: Viella, 2012.

ARTICOLI DI PERIODICI

Esempi:
Pelzman Frankie, Washington observer, «Wilson Library bulletin», 64 (1990), n. 5, p. 13-21

Bertrand Anne-Marie, Le biblioteche pubbliche in Francia oggi, «AIB Studi», 53 (2013), n. 1, p. 109-116, <http://aibstudi.aib.it/article/view/8877>

ARTICOLI DI GIORNALI

Ricco Salvo, Scuola dell’infanzia ed elementari: crollo di iscrizioni per le paritarie, «Giornale di Sicilia», 27 giugno 2013, p. 31.

DOCUMENTI DIGITALI

– quando si cita un sito Internet l’URL va inserita tra uncinate (< >). URL più lunghe di 50 caratteri vanno abbreviate utilizzando il servizio: tinyurl.com. L’editor può sostituire anche le URL più brevi di 50 caratteri con quelle generate da tinyurl per esigenze di impaginazione.
Esempio:
American Library Association, Policy concerning confidentiality of personally identifiable information about library users, <https://tinyurl.com/y8ldjowq> (Ultima consultazione: 11/09/2013)

ARTICOLI DI BLOG

Esempio:
Carver Blake, WI Board calls for closing library, «LISNews», 17 settembre 2013,
<http://lisnews.org/wi_board_calls_for_closing_library>.

 

 

Disegni, tabelle e immagini andranno consegnati in file separati separati dal testo e devono avere queste caratteristiche:

  • foto – almeno 2000 px larghezza/altezza, tra i 150-130 dpi, bianco e nero o a colori, formato png, tiff.
  • illustrazioni scansionate – scansionate tra i 1000 o 2000 dpi, bianco e nero o a colori, formato png, tiff, pdf.
  • illustrazioni non scansionate non vettoriali – almeno 2000 px larghezza/altezza, tra 150 e i 300 dpi, bianco e nero o a colori, formato png, tiff, pdf.
  • illustrazioni vettoriali – senza diritti, bianco e nero o a colori, formato pdf con modifiche e font inclusi.
in uscita

Something went wrong.

novità
iscriviti alla newsletter

Proponi
il tuo
manoscritto